7.6 C
Udine
sabato, 10 Dicembre 2022

Lignano, inaugurata la stagione balneare: il saluto del sindaco uscente

09.05.2022 – 07.30 – La stagione balneare di Lignano Sabbiadoro si è ufficialmente aperta ieri mattina con la tradizionale cerimonia alla Terrazza a Mare. Alle 10.30 erano centinaia le persone presenti nel piazzale antistante la terrazza, dove – dopo la benedizione di don Angelo – si sono levate le note dell’inno nazionale suonato dalla banda Garzoni. Il sindaco ha fatto gli onori di casa con i molti rappresentanti delle istituzioni politiche, religiose e militari invitati; per la Regione è intervenuto l’assessore alle Attività produttive e Turismo del Friuli Venezia Giulia, per Lignano Sabbiadoro Gestioni ha parlato il suo presidente. Discorso breve e a tratti emozionante quello del primo cittadino lignanese, che si appresta a chiudere il suo doppio mandato e che ha salutato la sala con un sentito «grazie per avermi supportato e sopportato in questi dieci anni. Lignano è una grande città in cui c’è turismo, ma c’è anche comunità con valori senza tempo, capace di affrontare le sfide del futuro e sempre disposta ad aiutare chi ha bisogno». Inevitabile il riferimento al decennio trascorso tra crisi economica, pandemia e ora con una guerra spaventosa. «Il futuro non è un oroscopo e non è un destino fisso – ha concluso il sindaco – il nostro futuro è aperto e io ho molta fiducia nella saggezza della nostra comunità e quindi ho molta speranza su ciò che verrà».

L’amicizia con una delle città austriache più fedeli a Lignano è stata quest’anno valorizzata dalla presenza del sindaco di Klagenfurt Christian Scheider, che si è detto «felice di essere qui in virtù di un gemellaggio nato nel 2021 e che ci onora, le nostre città si apprezzano vicendevolmente, infatti oggi ho già salutato molti miei concittadini presenti qui a Lignano. Sarà una stagione da tutto esaurito e Klagenfurt darà il suo contributo».

I sindaci Luca Fanotto e Christian Scheider. Photo Credit Davide Carbone

Il presidente di Lignano Sabbiadoro Gestioni non ha dubbi sul fatto che si debba «ripartire dal 2019, da dove ci eravamo lasciati. Questi anni ci hanno insegnato che facendo sistema si possono superare le criticità, abbiamo sperimentato soluzioni che altrimenti mai avremmo testato, che continueremo ad utilizzare indipendentemente dalla pandemia, ma si volta pagina. Le prospettive sono ottime dal punto di vista numerico, con ulteriori margini di miglioramento e grandi sono le aspettative degli operatori come altrettanto grande è la volontà di rimettersi in gioco».  Preoccupa l’emergenza occupazionale, che ormai da tempo si legge in un’ottica rovesciata rispetto al passato, nel senso che il personale manca e – sono sempre le parole del presidente – «non vi è struttura turistica che non sia alla spasmodica ricerca di personale».

Il messaggio dell’assessore regionale alle Attività produttive e Turismo ha sottolineato, infine, i numeri «che ci sono così come le risorse che la Regione continua ad investire sul territorio scegliendo di giocare nella fascia alta del campionato: gli ingredienti per una stagione da sold out non mancano». Nel ricordare le ingenti risorse investite sul territorio, il rappresentante dell’Esecutivo regionale ha ribadito l’importanza di semplificare la burocrazia, di liberare le energie degli imprenditori per fare in modo che il Friuli Venezia Giulia continui a crescere come meta turistica di primo livello. Ha poi evidenziato le risorse investite per rafforzare l’identità del Friuli Venezia Giulia per proporre in modo unitario l’intero territorio e sottolineato il cambio di passo, anche in termini di comunicazione, con una rinnovata promozione sulle reti Mediaset e sui principali quotidiani nazionali. Nel suo intervento ha richiamato l’attenzione sui tanti interventi realizzati nella località balneare fra i quali quelli relativi alla Terrazza a mare e sull’arena Alpe Adria per renderla fruibile tutto l’anno oltre al bando per l’ammodernamento delle strutture ricettive private.
L’assessore regionale alle Infrastrutture e territorio ha ricordato a margine dell’evento l’importanza della mobilità transfrontaliera per agevolare gli arrivi in regione; la sua promozione e il miglioramento delle connessioni e dei trasporti sono ulteriori elementi della stagione turistica.

Sempre come da tradizione, dopo i discorsi ufficiali è stata la volta dei riconoscimenti agli operatori: quest’anno sono stati 13 gli attestati al valore dell’imprenditoria e dell’innovazione in ambito turistico.

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore