15.6 C
Udine
sabato, 24 Settembre 2022

Termoscanner, mai usati così tanto! Ma quanto sono efficaci?

20.01.2022 – 07.50 – Quando il nostro corpo è “sotto attacco” da alcuni agenti patogeni è normale avere la febbre: significa semplicemente che il nostro corpo ha innalzato la propria temperatura per velocizzare il metabolismo e quindi potenziare la risposta del sistema immunitario. Infatti, è molto importante non essere esposti al freddo mentre si ha la febbre, poiché il corpo cercherebbe di compensare la differenza di temperatura esterna incrementando quest’ultima.
È consigliato quindi evitare docce fredde; allo stesso tempo anche le docce troppo calde sono da evitare poiché potrebbero provocare le vertigini e persino uno svenimento. Bisogna quindi curare non la febbre in sé ma ciò che la provoca.
Si sa, ormai, che uno dei sintomi del Covid è proprio la febbre e, da quando è iniziata la pandemia globale, sono iniziati a spuntare per tutti i bar e per tutti i negozi queste piccole “pistole” per misurare la temperatura. Ma cosa sono? Sono affidabili?

I termometri ad infrarossi sono la soluzione migliore per misurare velocemente, e a distanza, la temperatura delle persone: il principio su cui si basa il funzionamento di questi è captare e leggere la radiazione termica emanata dal corpo. Cosa significa? Beh, tutti i corpi emanano radiazioni elettromagnetiche termiche solo che non sono visibili all’occhio umano, i termometri ad infrarossi invece riescono a leggere questi valori e convertirli in un segnale elettrico che poi viene trasformato in numeri sullo schermo (quello sarà invece il valore della temperatura).
Per capire meglio questo concetto basti pensare quando nei film, ad esempio, si vedono degli agenti segreti usare delle piccole tv quando è buio per rilevare presenza di corpi (che emanando calore di solito appaiono in rosso rispetto all’ambiente).

I termometri ad infrarossi sono molto pratici e molto precisi, eppure non sono infallibili, la temperatura media del corpo umano si aggira intorno al valore 37,2°C, ma bisogna tenere conto del fatto che essa non è distribuita in modo omogeneo per l’intero corpo e quindi è consigliato rilevare la temperatura sulla zona della fronte o delle tempie, dove il flusso sanguigno è più intenso e più costante.

di Fiamma Cecovini Amigoni

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore