Autonomi e Partite IVA, Manzoni: “Abbiamo bisogno di rappresentanza politica”

08.09.2021 – 13.30 – “Le partite IVA e i lavoratori autonomi sono l’unico vero motore della ripresa e abbiamo bisogno di rappresentanza politica”. Così Marco Manzoni spiega la crescita del movimento Autonomi e Partite IVA, che sta prendendo sempre più piede in Italia con oltre 400mila iscritti sui social.
Risanamento equitativo, eliminare le zavorre alle Partite IVA e Autonomi, ristabilire la fiducia tra cittadini e la Pubblica Amministrazione, supportare i prodotti d’eccellenza italiana, sgravo del contenzioso tributario, velocizzazione del recupero dello Stato e riforma della Giustizia.
Questi alcuni dei punti programmatici del movimento: un’associazione fondata dal politico e imprenditore Eugenio Filograna, con oltre cinquecento coordinatori regionali e nazionali. 
Marco Manzoni, geologo e coordinatore regionale per il Friuli Venezia Giulia, si pone l’obiettivo di far valere il programma dell’Associazione anche nella nostra regione.
“Vogliamo rappresentare questo unico corpo sociale – ha raccontato Manzoni – gli altri attori in politica non si sono occupati di centrare l’obiettivo sulla nostra categoria. Siamo sostanzialmente un movimento di centrodestra e la nostra è una lotta continua: vogliamo degli assessorati e ministeri di autonomi e partite IVA, una proposta che faremo ai sindaci”.

La proposta del risanamento equitativo in particolare è “una grossa novità – ha aggiunto il coordinatore regionale – rispetto qualsiasi altro partito: gli autonomi e partite IVA “sani” aiutano quelli in difficoltà, ricevendo contestuali benefici. Si tratta quindi di una soluzione che non genera forme di diseguaglianza; ecco perché si parla di risanamento equitativo”. Affini al partito di Giorgia Meloni vogliono portare all’attenzione il tema delle terapie domiciliari già caro a Fratelli d’Italia: “Come iniziativa personale desidero mettere in luce ciò che questo Governo sta nascondendo, soprattutto in materia di pandemia: le terapie domiciliari funzionano e vanno utilizzate. Siamo contrari al green pass e all’obbligo vaccinale” ha concluso.

b.b