7.9 C
Udine
lunedì, 5 Dicembre 2022

Udine, incontro tra Confapi Fvg e Arma su rischio infiltrazione mafie nelle aziende

04.10.2022 – 10.24 – Nella sede di Confapi FVG ieri si è svolto il secondo degli incontri programmati, rivolti agli imprenditori associati e previsti dal Protocollo d’intesa sottoscritto a livello nazionale tra l’Arma dei Carabinieri e CONFAPI, che prevede lo svolgimento di conferenze, convegni e seminari in materia di tutela del patrimonio informativo delle aziende, economia circolare e gestione dei rifiuti, analisi dei rischi e delle misure per la prevenzione di infiltrazioni della criminalità organizzata.
Dopo i saluti di benvenuto e una introduzione del Presidente di CONFAPI FVG, Massimo Paniccia e del Comandante Provinciale Carabinieri, Col. Orazio Ianniello, i relatori hanno portato il loro contributo sul tema del convegno “Legalità e obiettivi finanziari dell’azienda” per condividere con gli intervenuti gli strumenti conoscitivi necessari a prevenire e contrastare efficacemente il rischio che anche il nostro territorio possa essere aggredito e infiltrato dalle mafie.

In particolare, il Col. Paolo Storoni, Capo Centro Operativo della Direzione Investigativa Antimafia in Padova, ha illustrato le forme di contrasto alla criminalità economico finanziaria; l’avv. Carlo Ferrero, componente del Consiglio Generale di Confapi FVG, ha posto l’attenzione sul ruolo del Security Manager nelle aziende, sulle best practice e sulla rete istituzionale, con una panoramica sullo stato dell’arte post pandemia; il dott. Flavio Gabrielcig, Direttore di Servizio della Direzione Centrale Ambiente della Regione FVG, ha affrontato nel quadro delle bonifiche aziendali, della continuità produttiva e compliance, i profili operativi e le criticità operative.
Il Presidente Paniccia nel ringraziare gli autorevoli ospiti ha assicurato, anche a nome dei numerosi imprenditori intervenuti, che gli associati pongono la massima attenzione nel prevenire attività illecite di qualsiasi tipo. Specifici settori, che più di altri hanno la necessità di interloquire con le Autorità pubbliche, fanno da sempre riferimento alle stesse per il rilascio delle necessarie certificazioni.
L’incontro di chiusura programmato per metà ottobre affronterà il tema della “tutela ambientale”.

l.l

 

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore