17.9 C
Udine
sabato, 13 Agosto 2022

Ospedale di Udine: “bolle” Covid all’interno dei reparti specializzati

07.07.2022 – 07.10Allarme Covid negli ospedali del Friuli Venezia Giulia anche se la situazione si presenta alquanto diversa dalla altre ondate. Contrariamente alle estati passate, in cui il calo dei contagi in questa stagione era vertiginoso, con la nuova variante Omicron 5 neanche Caronte sembra averla vinta. Tuttavia, la virulenza è diversa ed è caratterizzata da sintomi meno forti e compromettenti. A fronte di questa nuova ondata a risentirne di più sono i Pronto Soccorso, soprattutto quello di Udine. Ieri, ad esempio,  erano in attesa di ricovero una quindicina di positivi, ma tutti con sintemi lievi o moderati. Spesso si tratta di casi incidentali, di persone che entrano in ospedale con altre patologie per poi risultare essere positive anche al Covid. Per lo più sono anziani affetti da pluripatologie che non possono essere rimandati a casa perché vivono da soli, o perché comunque hanno bisogno di ossigeno e monitoraggio clinico. Nonostante la sintomatologia sia cambiata, a causa dei protocolli ancora vigenti che risalgono a due anni fa, si deve trovare loro un posto in infettivologia o in area medica Covid, andando a discapito di una miglior cura rispetto alla sintomatologia predominante. Da qui l’idea di creare delle “bolle” Covid all’interno dei reparti specializzati in modo da poter garantire una maggiore assistenza.

Dall’analisi di come è andata progressivamente cambiando l’epidemia, con effetti molto più blandi rispetto alle precedenti ondate grazie ai vaccini e alla nuova variante Omicron, vi è un acceso dibattito tra professionisti sulle nuove misure da adottare. Settimana scorsa, i tre Primari di infettivologia del Friuli Venezia Giulia hanno presentato un documento in Regione per proporre misure meno stringenti, sulle quali la stessa sta ragionando oscilallando sulla decisione tra prendere una posizione autonoma o attendere di atti ufficiali del Ministero della Salute. Tre sono state principalmente le richieste: fine dei tamponi di screening agli operatori sanitari; basta test a chi entra in ospedale e non presenta sintomi Covid; superamento della separazione tra i reparti Covid e no covid.

[l.f]

(Fonte Tgr Rai FVG)

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore