5.9 C
Udine
martedì, 6 Dicembre 2022

Turismo, Prealpi Friulane: ottica di sistema e formazione

15.02.2022 – 07.30 – Crescita turistica attraverso lo sviluppo di progetti di più ampio respiro e qualità della formazione sono i temi emersi a margine dell’incontro della Comunità di montagna delle Prealpi Friulane Orientali. La riunione si è svolta ieri a Lestans di Sequals, tra l’assessore regionale alle Attività produttive e turismo, Sergio Emidio Bini, il presidente della Comunità Demis Bottecchia, i rappresentanti del territorio e PromoTurismoFVg. La Regione intende appoggiare, attraverso l’azione di PromoTurismoFVg, la crescita turistica del territorio delle Prealpi Friulane. Secondo Bini, è necessario puntare su di un’offerta di qualità pensando a progetti che facciano emergere quelle peculiari risorse dei diversi territori, che possano essere sfruttate per valorizzare aree più ampie in un’ottica di sistema. Da un punto di vista economico gli investimenti sono utili se generano un sistema territoriale che propone qualcosa di importante per lo sviluppo complessivo della regione, inutili quando determinano una frammentazione delle potenzialità progettuali ed economiche. Ad oggi la regione a livello turistico continua a non esprimere a pieno tutte quelle risorse che potrebbero invece dare ottimi risultati sia dal punto di vista reddituale, sia occupazionale. Al fine di presentare ai turisti che arrivano in Friuli Venezia Giulia un’offerta integrata “è fondamentale che imprese ed enti locali sfruttino le opportunità messe in campo dalla Regione e da PromoTurismoFVG, che supporta le imprese sia per la formazione sia per la promozione “.

Bini ha sottolineato che “la legge SviluppoImpresa ha definito la riforma del sistema degli alberghi diffusi, che a breve verrà concretizzata attraverso uno specifico regolamento” ed evidenziato che “Madre Natura è stata generosa con il Friuli Venezia Giulia. Ora spetta a noi valorizzare quanto abbiamo; sui fronti della gastronomia e dell’enologia abbiamo grandi risorse, ma per veder crescere il turismo regionale dobbiamo continuare ad innalzare la qualità del servizio investendo sulla formazione”.

[l.f]

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore