7.6 C
Udine
sabato, 10 Dicembre 2022

Diretto da Moni Ovadia, “Nota Stonata” in tour per il Friuli

14.02.2022 – 18.43 – Il 15 febbraio al Nuovo Teatro Comunale di Gradisca, il 16 presso l’Auditorium alla Fratta di San Daniele del Friuli (UD) e il 17 all’Auditorium Comunale di San Vito al Tagliamento ore 21 andrà in scena Nota Stonata di Didier Caron, con traduzione di Carlo Greco e protagonisti Giuseppe Pambieri e Carlo Greco. Lo spettacolo è prodotto da Golden show Impresa Sociale di Trieste con Teatro della Città Catania e la regia è di Moni Ovadia. Siamo ai primi anni ’90. L’azione si svolge presso la Filarmonica di Ginevra, specificatamente nel camerino del direttore d’orchestra di fama internazionale, Hans Peter Miller. Alla fine di uno dei suoi concerti, Miller, rientrato in camerino, viene importunato più volte da uno spettatore invadente, Léon Dinkel, che si presenta come un grande ammiratore del maestro, venuto appositamente dal Belgio per applaudirlo. Comunque più il colloquio, fra i due, si prolunga più il comportamento di questo visitatore diventa strano e oppressivo. Finché si giunge a scoprire un oggetto del passato…… Chi é dunque questo inquietante Signor Dinkel ? Ma soprattutto cosa vuole realmente dal direttore Miller ?

NOTE DI REGIA

“Il regista, produttore e organizzatore teatrale Alessandro Gilleri un giorno mi ha telefonato e mi ha chiesto a bruciapelo: ”La faresti la regia di un testo di prosa, un Kammerspiel con due attori? Poi passando al dialetto triestino ha soggiunto senza darmi tempo di replicare – prima de risponderme te lo leggi e poi te me disi”. Gli ho fatto fede pensando: ”se si è rivolto ad un pusher di teatro eterodosso come me che ho spacciato molte cose ma mai la Prosa, ci deve essere sotto qualcosa di intrigante”. Ed è stato così. La pièce di Didier Caron, “La Nota Stonata” è, a mio parere, un testo teatrale deflagrante. Dopo poche folgoranti quanto semplici battute di dialogo mi sono sentito agguantare per l’anima e il basso ventre e quella sensazione non mi ha mollato più fino alla parola fine. L’ho letto d’un fiato, a bout de souffle. Quali problemi si pongono alla regia? A parte l’impianto scenico che a mio modo di sentire, pur svolgendosi la pièce interamente nel camerino di un direttore d’orchestra, deve avere elementi allusivi e trasfiguranti così come le luci, la regia deve porsi al servizio dello scavo attoriale per guidare, sostenere, provocare ed “estorcere agli attori” una totale immersione in una temperie prima ancora che in una messa in scena teatrale. Lo sforzo deve essere quello di costruire una complessa partitura in forma musicale, le cui note, i fraseggi, le pause e le dinamiche siano i movimenti intrapsichici dell’interpretazione, le reazioni, le titubanze, le messe in iscacco, le entrate in una suspance e le uscite, per entrare in una nuova tensione che coinvolgano e travolgano lo spettatore per renderlo testimone di ciò che è terrificante nell’umano e proporgli una possibilità di redenzione alla quale può accedere solo chi sia disposto ad avere coscienza di quale inferno l’essere umano può essere capace di inventare contro il proprio simile. Moni Ovadia

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore