“Udinestate” non è finita: fino a fine settembre sorprenderà il suo pubblico

Trend più che positivo per gli eventi estivi in città

22.09.2021-15.52Quattrocentotrentasei eventi – erano stati trecentocinquantuno nel 2020 – oltre 50mila presenze a fronte delle 36mila della passata edizione: sono questi i numeri di “Udinestate 2021”, il programma di eventi messo a punto dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Udine in collaborazione con i soggetti culturali del territorio. Ventotto progetti musicali, una dozzina tra rassegne e festival, due eventi di danza, sei progetti di letture, incontri, laboratori e presentazioni di libri, oltre alla rassegna di cinema all’aperto “Secret Garden” con cinquantacinque proiezioni, hanno animato variamente la città, sempre nel rispetto delle misure di contenimento e di prevenzione della pandemia.

Abbiamo cercato di coinvolgere tutta la città – ha spiegato l’Assessore alla cultura Fabrizio Cigolot – dai grandi concerti sul piazzale del Castello al racconto dei quartieri nelle periferie cittadine, in modo da accontentare tutti i gusti e tutti i target d’età e di offrire occasioni di incontro nel segno della ripartenza e del piacere di ritrovarsi. Un quinto delle attività ha riguardato proprio i quartieri con la loro capacità di guidare il pubblico alla riscoperta degli angoli e degli scorci più suggestivi della propria storia”.

In centro sono stati sette i siti allestiti per gli eventi: piazzale del Castello, piazza Libertà, Loggia del Lionello, piazza Venerio, piazza Duomo, corte Morpurgo e Giardini Loris Fortuna. Qui ha trovato spazio il cinema all’aperto, mentre in piazza Duomo si è svolto il concerto per i Santi Patroni, nell’ambito del progetto internazionale Look Up Italia – Austria sulla valorizzazione delle tradizioni culturali e religiose in comune. La Corte di palazzo Morpurgo, riaperta dopo anni, ha ospitato eventi teatrali e musicali, offrendo al pubblico una cornice suggestiva e accogliente per ritrovarsi, come è successo lo scorso 27 agosto per il concerto di mezzanotte. In piazza Libertà si è svolta la rassegna ‘More Than Jazz’, ma anche altri eventi come stand up comedy e galà della danza, mentre la Loggia del Lionello ha ospitato la musica classica, offerta dagli Amici della Musica e dal Conservatorio statale “JacopoTomadini”. In piazza Venerio si sono avvicendati spettacoli di prosa e musica, come la cinquantunesima edizione del Festival dei Cuori e la serata dedicata a San Rocco.

“Ma non è finita – ha precisato l’Assessore – perché Udinestate ha ancora molto da offrire fino alla fine di settembre: i concerti dell’Accademia Ricci sulla musica al tempo del Tiepolo nell’oratorio della Purità, la rassegna Turn Off Subtitles al Teatro San Giorgio, gli incontri Heimat Museo, archivio di storie ritrovate, al parco di Sant’Osvaldo e molto altro come la mostra fotografica per i sessant’anni delle Frecce Tricolori allestita da IRPAC nella chiesa di San Francesco e la mostra sulla nascita dell’acrobazia aerea collettiva in Galleria Tina Modotti”.

La rassegna estiva udinese è stata realizzata con risorse proprie Comune di Udine, finalizzate anche a rilanciare il settore dello spettacolo dal vivo in città, fortemente penalizzato a causa della pandemia, e grazie al sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, Promoturismo, della Fondazione Friuli e di AMGA – Hera.