Il Vicepresidente del Consiglio regionale Stefano Mazzolini chiede di nuovo le dimissioni a Speranza.

“Confermo la richiesta di dimissioni per la sua incapacità e soprattutto per aver dimostrato di non conoscere il territorio italiano e soprattutto la montagna”

03.05.2021-19.20 – Questa mattina i tavolini dei bar e del tarvisiano erano sommersi dalla neve. Le basse temperature di questo periodo non stanno permettendo ai ristoratori di lavorare a causa dell’ultimo DPCM. Sono costretti, dall’inizio della zona gialla, a lavorare solo per asporto perchè impossibilitati dal fornire un servizio all’aperto. Una discriminazione che, tra i tanti rappresentanti di categoria, ha fatto andare su tutte le furie il vicepresidente del Consiglio regionale Stefano Mazzolini, titolare con i suoi familiari di un ristorante a Camporosso.

Il Consigliere della Lega è tornato ad attaccare il ministro Speranza contestando le misure anti Covid contenute nel decreto ministeriale. Mazzolini, invita ironicamente il Ministro ad andare a mangiare su uno dei suoi tavoli innevati.

“In montagna di nuovo neve. Il ministro Speranza ha detto che si può mangiare e bere all’esterno ma, forse, non sa cosa succede in montagna. – afferma il vicepresidente del Consiglio regionale – Quest’inverno l’economia della montagna è stata messa in ginocchio  avendo dovuto tenere sempre chiuso. Ora aprono cinema, centri commerciali e teatri ma gli unici posti che danno la garanzia di una sicurezza restano chiusi”. Secondo Mazzolini sono vincoli illogici soprattutto per un comparto che ha subito tantissimi danni a causa della stagione saltata.

La montagna ancora una volta è presa in giro, è ancora una volta in ginocchio economicamente siamo in grandissime difficoltà. – prosegue Mazzolini- Ho chiesto con forza le dimissioni al ministro Speranza, confermo la richiesta di dimissioni per la sua incapacità e soprattutto per aver dimostrato di non conoscere il territorio italiano e soprattutto la montagna